Melbourne

Finalmente sono a Melbourne! Dopo 7 mesi in Australia, sono nella città più gettonata insieme a Sydney.

Arriviamo di domenica pomeriggio, in un traffico pazzesco. Altroché tangenziale nord di Torino! Cinque corsie super busy e ovviamente io alla guida..
Decidiamo di stare in ostello a St Kilda, a qualche Km sud rispetto al centro perché era quello più economico. Che poi per economico parliamo di $21 a notte in camerata da 10. L’aspettativa è bassa, ma evidentemente non abbastanza.
Il personale è incapace e scazzato. Prima di arrivare ci hanno detto che la camera era a $21, il tempo di parcheggiare la macchina 2 minuti dopo erano diventati $25 perché la camera da 10 non era disponibile ma solo quella da 6. Fortunatamente Timo che non si fa tanti problemi a discutere, l’ha zittito facendoci fare la camera a $21 ma solo per la prima sera. Iniziamo bene…

In camera siamo con dei francesi, che scusatemi non è per cadere nei luoghi comuni, ma sono davvero dei cafoni come nel 90% dei casi. Neanche un “hello”, zero, trasparenti, come se non esistessimo.
Cucina super zozza, nessuno si preoccupa di lavare le stoviglie dopo averle usate, internet gratis che neanche quando c’era il 56k.. Insomma tremendo. Ma la cosa peggiore è che pare che a nessuno crei problemi tutto ciò. Non allo staff, ma neanche ai clienti che per la maggior parte sono i classici ventenni fancazzisti che si ammazzano di canne, alcool, o davanti alla tv e poi si lamentano che non trovano lavoro.

Comunque, ci prendiamo il resto del pomeriggio giusto per fare un salto nel quartiere circostante e in spiaggia.
Il quartiere è vivissimo, pieno di gente, di caffè, di ristoranti e negozi. Si sente musica dal vivo qua e là proveniente da qualche artista di strada.
Decidiamo di andare in spiaggia che non è nulla di che ma anche qui c’è moltissima gente, fra chi prende il sole, chi fa jogging, chi va sullo skate board o in bicicletta.
Rispetto a tutti gli altri posti che ho visto si nota subito che la città è davvero multietnica e vedi gente di tutti i tipi.

Luna Park di Melbourne

Luna Park di Melbourne

Alle spalle della spiaggia, si trova un bel Luna Park davvero caratteristico ma con prezzi proibitivi. Ma entrare dentro per farci un giro dentro non costa niente.

Il giorno seguente iniziamo a visitare il centro cittadino e come guida abbiamo anche un mio amico australiano, che avevo conosciuto un paio di anni fa a Torino mentre era in vacanza in Italia. Abbiamo tenuto i contatti e si è offerto di accompagnarci.

Diciamo che Melbourne non ha un qualcosa di veramente caratteristico come un palazzo o un monumento come può essere l’Opera di Sydney.
Ha però un’anima tutta sua, fatta di murales e street art, palazzi vecchi mischiati con palazzi ultra moderni, artisti di strada, negozi e tanta tanta gente.

IMG_1272

Posso confermare tutto quello che si dice di Melbourne. Sembra una città europea, in qualche modo le vie dei negozi mi hanno ricordato Madrid e Barcellona, mentre appena si esce dal CBD (Centre Business District) e si entra nei sobborghi sembra in tutto e per tutto di essere a Londra o comunque in Inghilterra. Infatti molti la definiscono la Londra Australiana e concordo.

IMG_1227

Un altro lato che non mi aspettavo di ritenere positivo è che finalmente non sembra tutto perfetto! Dopo mesi di regole, di divieti di qualunque tipo da rispettare ecc. ecc. che alla lunga credetemi è estenuante perché hai paura di fare qualunque cosa di sbagliato che se no sei multato o vai in galera, finalmente a Melbourne noto che la gente è molto più libertina. Persone che bevono birra in spiaggia senza essere arrestati, in macchina sono un po’ più arroganti e non rispettano alla lettera qualunque cosa, i mezzi pubblici non sono efficientissimi e gli autisti vanno tutti di fretta senza preoccuparsi più di tanto se i passeggeri si ammazzano ad ogni frenata o partenza… Insomma mi sento un po’ più a casa! Non esageratamente male come in Italia, ma non so, tutto questo perfezionismo mi aveva rotto un po’ le balle!

IMG_1239

Andiamo a China Town che è esattamente come qualunque China Town al mondo, e ci spariamo un pranzo con meno di $7.

IMG_1242

St Paul’s Cathedral

Visitiamo Federation Square, St Paul’s Cathedral, Hosier Lane, State Library of Victoria, Queen Victoria Market, ACMI (Australian Centre of Moving Image) e più o meno ci giriamo tutto il centro.

Federation Square

Federation Square

Il bello di questa città è proprio camminare e scovare gli angoli più caratteristici. Ogni tanto scopri delle viuzze strette strette in cui trovi bellissimi ristoranti e caffè che possono ricordare in alcuni casi l’Italia e in altri Parigi. Insomma c’è proprio un bel mix.

IMG_1241

Flinders Station

La tappa a Melbourne non è solo una tappa momentanea. Qui vogliamo fermarci per i nostri ultimi mesi in Australia per racimolare quanti più soldi possibili e rientrare di tutto o quasi quello che abbiamo speso in questi 7 mesi. Quindi la priorità adesso è il lavoro.

Il giorno prima che arrivassi a Melbourne ho dato un’occhiata nei vari gruppi su Facebook tipo Italiani a Melbourne dove ogni tanto mettono qualche annuncio di lavoro e così leggo un annuncio che cercano un lavapiatti/aiutocuoco in un Pizza Bar nel sobborgo di Richmond. Così mi dico “vabbè dai proviamo a portarci avanti e rispondiamo”.
Insomma alla fine è andata che all’unico annuncio a cui ho risposto ho avuto la prova il giorno del mio compleanno e alla fine anche il lavoro! Proprio un bel regalo! Per una volta da quando sono arrivato in Australia, mi è andata bene al primo colpo.
Quindi adesso lavoro tutte le sere 4 ore e mezza, 6 giorni su 7 e faccio soprattutto il lavapiatti e ogni tanto do una una mano come aiuto cuoco. Solo la domenica e il lunedì che la cuoca è off devo occuparmi anche della preparazione di alcuni piatti che però sono già pronti quindi devo solo scaldare o comporli. Easy.
La paga non è altissima, quindi dovrò cercarmi qualcos’altro da fare durante il giorno. Però ogni sera mi danno qualcosa da mangiare, e non immaginate che meraviglia poter assaggiare di nuovo alcuni prodotti italiani che erano mesi che non mangiavo. Parmigiano, prosciutto crudo, Nutella, pizza che è davvero pizza e anche molto buona, ma soprattutto lui… IL GORGONZOLA!

La situazione lavorativa comunque qui è decisamente diversa.
Timo il primo giorno che ha iniziato a dare curriculum, dopo 6-7 ristoranti si è fermato perché aveva già due prove ed è stato assunto.
Fra l’altro lavoriamo qualcosa come a 300 metri di distanza.

Nei bar, ristoranti e negozi è facile vedere il cartello che cercano personale. Insomma pare proprio che qui sia pieno di lavoro! Meno male!
Ora stiamo trovando lungo a trovare una casa. I prezzi onestamente non sono così cari come pensavo. Stando insieme in doppia si sta tranquillamente fra i 130-150 $ a settimana a testa.
il problema è che siccome lavoriamo nello stesso sobborgo chiamato Richmond, vorremmo trovare casa in questa zona in modo tale da poterci andare a piedi e non usare i mezzi. Ma in questa zona di annunci non ce ne sono molti, e quei pochi che ci sono bisogna essere svelti ad essere fra i primi a rispondere. Eravamo praticamente certi di una bellissima casa ad un prezzo super, a 10 minuti a piedi dal lavoro e poi la ragazza che doveva lasciare la casa ha deciso di rimanere.

Dopo circa 10 giorni in ostello però non ne potevamo più, così per una notte ci ha ospitato un’amica di Timo che rimaneva dalla parte opposta di Melbourne a Newport, e poi uno dei miei colleghi ci ha offerto di ospitarci per qualche giorno sul divano letto di casa sua. Sono rimasto piacevolmente sorpreso di come perfetti sconosciuti si rendano disponibili ad aiutarti.
Così adesso momentaneamente siamo qui in casa con la sua compagna e la loro bellissima bimba di 3 anni. Inoltre abitano a circa 20-25 minuti a piedi da dove lavoriamo, quindi super lusso!

Di Melbourne non ho ancora visto molto visto che se non lavoro, sono attaccato al computer a cercare annunci di case, ma appena siamo sistemati voglio girarmela tutta per bene.

Granny Bingo

Granny Bingo

La sera prima del mio compleanno siamo andati insieme al mio amico australiano Jesse e i suoi amici (quello che ci ha fatto da guida il primo giorno), in un pub con una serata troppo divertente chiamata Granny Bingo. In pratica all’ingresso ti davano delle schede per giocare al bingo, e due uomini travestiti da nonne fra cabaret, battute volgari e canzoncine facevano anche l’estrazione del bingo. Capivo meno della metà di quello che dicevano anche perché l’audio era pessimo, ma per quel poco che capivo mi sono ammazzato dalle risate.

Granny Bingo

Granny Bingo

Oggi che ero off sono andato a trovare Jesse e mi ha fatto fare un bel giro nei quartieri di Collingwood e Fitzroy. Mi sono piaciuti tantissimo! Palazzi vecchi, murales ovunque, locali super cool, gente stravagante e caffè pieni di persone. C’era addirittura un ristorante messicano con all’interno uno skate park. Non sarebbe male vivere/lavorare in questa zona popolata per lo più da under 30. A proposito, la maggior parte della popolazione di Melbourne è veramente giovane.

Il tempo atmosferico è stranissimo, come si dice qui ci sono 4 stagioni nella stessa giornata ed in parte è vero. Si passa dal freddo al caldo torrido, dal sole alla pioggia. Insomma è un casino, non sai mai come vestirti!
Per ora è tutto, non vedo l’ora di poter iniziare a vivermi un po’ di più la città, uscire, fare qualche amicizia e mettere da parte un po’ di soldini.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...