Com’è piccolo il mondo

La prima settimana di lavoro nell’ostello è passata. A parte i primi 3 giorni che ho fatto il portiere di notte, gli altri giorni fino ad oggi ho fatto sempre dalle 10 alle 13 il turno delle pulizie dei bagni e della cucina. Fortunatamente ci sono solo 2 bagni in tutto l’ostello, uno per gli uomini e uno per le donne. Le pulizie sono molto approssimative, quindi in 3 ore riesco a fare tutto senza particolari problemi, anche se pulire la cucina dalle 11 alle 12 è davvero stupido perché è un orario dove la cucina è piena e devo praticamenre cacciare via tutti per chiudere la cucina e fare le pulizie. Avrebbe più senso farle dopo pranzo. Ma in effetti ci sono molte cose nell’ostello che sono gestite male, tipo che nessuno si preoccupa se ci sono tutti i prodotti per fare le pulizie, guanti, spugne, ecc. 

Una sera addirittura, al mio amico tedesco che stava facendo il turno notturno, gli hanno detto di non accettare nuovi ospiti e di dire che l’ostello era al completo perché non sapevano esattamente la disponibilità delle camere e dove metterli… Bah..

Comunque, a parte questo, la compagnia è molto buona. Siamo circa 11-12 ragazzi che lavoriamo qui e almeno con la metà di loro vado d’accordo e facciamo gruppo. 

La maggior parte tedeschi, qualche inglese, un irlandese, un’olandese. Ovviamente anche qui ero l’unico Italiano in tutto l’ostello, fino a quando qualche giorno fa arriva un ragazzo Italiano, anche lui per work for accomodation.. Così il giorno dopo lo incrocio, scambiamo due parole e non solo è italiano, ma è pure valdostano, anzi precisamente di Saint Christophe! Assurdo! Ma come diavolo è possibile che l’unico Italiano nel raggio di chilometri che incontro in un paese gigante come l’Australia abiti a 5 km da casa mia in Italia? È stato divertente, eravamo entrambi increduli. Comunque è molto simpatico e socievole e anche se in realtà quando siamo con gli altri parliamo sempre in Inglese, qualche volta se devo essere sincero non mi dispiace poter parlare un po’ in Italiano con lui. 

Ieri sera ha proposto di fare spaghetti al ragù così l’ho aiutato e abbiamo prepararo il ragù con la carne macinata di canguro. È venuto buonissimo e così finalmente ho anche assaggiato il canguro. 

Una testimonianza..

 

Ragù di canguro

 
Nei dintorni non c’è molto da fare, ma la spiaggia è bellissima e si estende per chilometri, ho anche iniziato a correre di nuovo. 

Un pomeriggio siamo andati con la macchina a circa 20 minuti a sud dove si trova una collina ritrovo di wallaby e cassowary. 

C’erano decine e decine di Wallaby saltellanti o sdraiati sul prato all’ombra degli alberi. Ho visto anche una mamma Wallaby con un piccolo nel marsupio!

 

Wallaby

 
Ma finalmente da lontano scorgo una macchia nera…eccolo il rarissimo Cassowary!!

  
Questo uccellaccio grosso quasi quanto uno struzzo, con l’aria super incazzata, che cammina lentamente! Dalla collina è sceso fino alla strada e ce lo avevo a circa 10 metri di distanza, non mi sono avvicinato oltre perché sono imprevedibili e possono essere molto aggressivi e capaci di uccidere conficcandoti gli artigli nel torace con una sorta di mossa di karate. 

È stato davvero emozionante, contanto che è un animale a rischio di estinzione e che se ne contanto meno di 1.000 esemplari. 

Nei prossimi giorni faremo qualche escursione nei dintorni, sperando che il tempo migliori. Ieri e oggi il tempo è stato brutto con pioggia, afa e un’umidità terrifficante. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...